UncategorizedRapporto FIC

Aprile 1, 2022

Lo Studio legale “K&F Avvocati” ha partecipato alla conferenza organizzata dal FIC (Foreign Investors Council) Serbia, tenutasi il 22 marzo a Belgrado, ove si e’ discusso delle nuove soluzioni riguardo ai rapporti di lavoro e giuridici sul territorio della Repubblica di Serbia.

La conferenza intitolata “Normative relative al lavoro – confronto con le sfide” ha aperto degli argomenti di straordinaria importanza riguardo alla modifica delle normative in diversi settori di diritto del lavoro, regole legislative, applicazione pratica nell’esercizio quotidiano di persone giuridiche, nonche’ dei problemi potenziali che queste modifiche portano con se’ e riguardano sia i datori di lavoro, che i dipendenti.

Gli argomenti principali di questo panel erano inanzitutto le modifiche ed integrazioni alla Legge sull’assunzione degli stranieri – come semplificare la procedura di ottenimento del permesso di lavoro per i cittadini stranieri in Repubblica di Serbia, alla Legge sulla pratica lavorativa, come articolo piu’ recente del corpo di leggi relative ai rapporti di lavoro e giuridici e la prima legge che disciplina la pratica lavorativa in Repubblica di Serbia e alla Legge sull’ingaggio lavorativo semplificato per i lavori stagionali e per i lavori nell’ambito di determinate attivita’.

Oltre alle membri del FIC, partecipate avanti al ministero del lavoro, occupazione, questioni dei combattenti e sociali, ci hanno assistito anche:

  • Snežana Bogdanović, Capo del Reparto di attivita’ normative e studiose-analitiche nell’ambito di lavoro
  • Sanja Gavranović, Capo del Gruppo di attivita’ normative e studioso-analitiche nell’ambito di occupazione e migrazioni economiche e sorveglianza nel settore di occupazione
  • Mira Božić, Consulente senior per affari legali nell’ambito di sicurezza e salute al lavoro
  • Ivana Nikolić, Consulente indipendente

Nella discussione aperta le ospiti del ministero del lavoro hanno avvicinato soprattutto le nuove soluzioni legislative ai presenti e poi, tramite il dialogo e le questioni dei particepanti, hanno offerto le risposte relative all’applicazione pratica e alle possibilita’ attuali di implementazione nella legislazione del lavoro.

Il tema che richiedeva un’attenzione speciale era semplificazione della procedura di ottenimento del permesso di lavoro per gli stranieri. Conforme a quello che ci ha detto la rappresentante del ministero del lavoro, sono in corso i preparativi della soluzione di unificazione e digitalizzazione della procedura stessa, ove al posto di due procedure esistenti, ci sarebbe una sola, digitale, sorvegliata dal portale di e-amministrazione (e-uprava), mentre il richiedente del permesso di lavoro, oltre al cittadino straniero esigente la costituzione di rapporto di lavoro, potrebbe essere lo stesso datore di lavoro, il che facilita e semplifica la procedura stessa.

Altresi’ e’ importante sottolineare anche il grande interessamento delle membri alle modifiche della Legge sulla sicurezza e salute al lavoro, relative ai locali di lavoro e locali ausiliari per esercizio di lavoro fuori posto di lavoro, nonche’ cosa viene considerato il posto di lavoro conforme alla lettera della legge. Queste modifiche si sono create per motivo di esigenza di risolvere grandi difficolta’ di armonizzazione delle disposizioni legislative e le circostanze di vita causate dalla pandemia COVID-19, quando si tratta di lavoro fuori azienda del datore di lavoro.

Infine, abbiamo avuto l’occasione di sentire tra i primi cosa ci avrebbe portato la Legge sulla pratica lavorativa, come primo atto normativo regolante questo settore, cosa significa il termine “praticante”, quale e’ la sua posizione nella legislativa del lavoro, nonche’ dei diritti e doveri sia dei praticanti, che dei datori di lavoro.

La conclusione di questa conferenza e’ che le innovazioni entrate nella procedura legislativa e quelle ancora da osservare, rappresentano un progresso notevole ai fini di miglioramento delle condizioni di lavoro e legali in Serbia e un giudizio definitivo potra’ essere fatto solo dopo l’applicazione di esse nella prassi.